Una faccina per ogni emozione

Read Time:1 Minute, 34 Second

Lo stato d’animo dei ragazzi va oltre uno smile

 

Il 17 luglio è stata la Giornata Mondiale degli emoji. Inutile spiegare cosa siano, sono le faccine che una volta si trovavano solo negli SMS, poi abbiamo trovato nelle mail, nei social e ora spopolano con WhatsApp dove ne nascono ogni giorno di nuovi.

i ragazzi parlano attraverso emoticon

La nascita di questi simboli risale (ma non vi è in realtà certezza) al 1998 con il giapponese Shigetaka Kurita. La parola emoji viene tradotta con disegno, simbolo e non è riferibile sono ad un semplice smile poiché oggi è rappresentato anche con animali, oggetti, cibo, numeri. Anche un cuore indicato con colori diversi può avere significati diversi.

Se vogliamo comprendere i messaggi dei nostri ragazzi possiamo ricorrere addirittura ad un enciclopedia che troviamo su internet: Emojipedia!

Gli studi dicono che le e-mail che hanno in oggetto un emoji hanno il 45% di possibilità in più di essere lette.

Un messaggio ricevuto dai nostri ragazzi può avere un emoji che sta addirittura a rappresentare il tono con cui tale messaggio deve essere recepito.

Quanti simboli abbiamo a disposizione? Beh si parla di circa tremila modelli e parrebbe (ma chi può realmente dirlo) che non è previsto che ne vengano pubblicati altri per tutto il 2021.

In un mondo dove ormai tutto corre talmente veloce e persino un messaggio può essere racchiuso in un piccolo simbolo, il consiglio è ovviamente quello di non abusarne, utilizzare troppi emoji in un singolo messaggio potrebbe annoiare e persino far fraintendere il peso di tale messaggio inviato, così come è necessario pensare prima a chi è il destinatario di tale messaggio.  Ultimo consiglio è prettamente tecnico: sforzarsi di testare sul maggior numero di device e-mail e altri tipi di messaggi così da evitare che i destinatari ricevano solamente piccoli quadratini illeggibili!

Non vi rimane che studiare….. con una bella faccina sorridente!

About Post Author

Gianluca Mastroleo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *